È stato presentato questa mattina, nel corso della seduta di Consiglio provinciale, il portale www.valori.provincia.potenza.it o www.valoriprovincia.it (indirizzo utile a segnalare il valore dell’inclusione), realizzato dalla Provincia di Potenza come momento di incontro dinamico e innovativo con i diversamente abili.
Il portale riservato alla disabilità o all’altrabilità, come spiegato dalla dottoressa Marcella Avena dell’Ufficio Lavoro, Formazione e Politiche sociali, è il frutto di un confronto con le associazioni. L’idea è quella di rendere fruibile un portale tematico in quanto strumento informativo aggiornato sotto diversi aspetti: dalla legislazione e normativa nazionale e regionale, alle opportunità che il territorio offre sia nel campo del lavoro e dei servizi sia in ambito ricreativo, culturale, sportivo e del tempo libero in generale.
“Al centro dell’attenzione sono poste la tutela dei diritti e l’integrazione sociale. Il portale è soprattutto una straordinaria opportunità di costruzione condivisa – ha aggiunto Avena – di un supporto valido per l’interazione di enti, associazioni, persone al servizio della comunità territoriale. Esso nasce, si sviluppa e cresce con il contributo di tutti gli interessati alla realtà della disabilità, si alimenta attraverso l’informazione, la consulenza e le idee dei protagonisti, diventa momento di aggregazione e riflessione della comunità”.
“Nonostante la delicata e difficile congiuntura, la Provincia di Potenza continua ad offrire il proprio supporto e la propria azione a sostegno delle fasce più deboli della società, con un occhio di riguardo alla disabilità. Questa attenzione viene prestata in maniera, per così dire, ordinaria e cioè garantendo quei servizi minimi che si rivelano essenziali per chi può vivere una situazione di difficoltà. Servizi quali il collocamento mirato per i disabili – ha detto l’assessore alle Politiche sociali Paolo Pesacane – l’assicurazione della gratuità dei trasporti pubblici per alcune categorie di persone, i Pei (Progetti Educativi Individualizzati), l’abbattimento delle barriere architettoniche. La Provincia, inoltre, continua a garantire, in virtù di un apposito protocollo sottoscritto negli scorsi anni con l’Unione italiana ciechi, le risorse necessarie per l’assistenza tiflologica extra scolastica. L’agire del nostro Ente non è rimasto, tuttavia, confinato alla gestione dell’ordinario. È così che per quanto attiene all’avviamento al lavoro dei disabili, la Provincia di Potenza ha promosso i tirocini formativi, nonché la pubblicazione dell’avviso delle work esperience all’interno del progetto Match che riguarda la Val d’Agri e che ha per oggetto l’inserimento lavorativo di 64 persone. Allo stesso fine, e sempre con riferimento al medesimo ambito di intervento, la Provincia ha provveduto a stipulare 16 convenzioni ex art. 11 della legge 68 del 99 per l’inserimento lavorativo di 35 disabili”.
L’assessore ha aggiunto che “nel desolante e difficile scenario di continui tagli dei trasferimenti agli Enti locali, la Provincia di Potenza, anche e soprattutto grazie alla riduzione dei costi della politica, è stata in grado di mantenere inalterato il sostegno in favore degli studenti disabili, prevedendo 245 mila euro tra Pei e trasporti scolastici”.
E ancora. Pesacane ha ricordato la programmazione degli interventi all’interno dei progetti Pois, le cui gare sono già in fase di avvio o di espletamento: 200 mila euro nel Lagonegrese (Rotonda), 150 mila euro nel Marmo Platano-Melandro (Brienza), 150 mila euro nella Val d’Agri (Villa d’Agri) e 200 mila euro nel Vulture Melfese-Alto Bradano (Venosa). Questi interventi localizzati soprattutto all’interno delle palestre sono finalizzati a renderle maggiormente confortevoli per tutti gli studenti, ma contengono anche specifiche azioni per la disabilità.
Infine, l’assessore ha posto l’accento sulle azioni poste in essere nel campo della disabilità mentale. “Grazie ad un lavoro interistituzionale, promosso ed avviato dalla Provincia di Potenza – ha concluso Pesacane – c’è stato l’inserimento nella scorsa finanziaria regionale di risorse per l’attuazione del progetto sperimentale “Supporto all’abitare” per persone affette da patologie psichiatriche, che potranno finalmente tornare a casa. Sempre nel progetto Match è stata prevista la possibilità di riservare tre posti per l’inserimento lavorativo di disabili mentali”.

Fotogallery su Facebook

 

Tagged con:
 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

NEWS

FACEBOOK

Imposta il tuo account Twitter nella tua configurazione per usare la Sezione TwitterBar .